Guida rapida per l'invio manuale dei corrispettivi AE

26/04/2021
Problemi con l'invio telematico dei corrispettivi? Ecco la guida completa contente le procedure da seguire per la trasmissione manuale dei dati corrispettivi e marcatura di un corrispettivo anomalo.

  • Dal 1° gennaio 2020, i soggetti che effettuano le operazioni di vendita al dettaglio/minuto e assimilate, devono memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai corrispettivi giornalieri, seguendo le regole dello scontrino elettronico 2020 e del relativo registratore telematico di cassa. Questo è quanto introdotto dal D.Lgs. 127/2015.

    L’obbligo, entrato in vigore il 1° luglio 2019 per i soggetti con un volume d’affari superiore a 400 mila euro, dal 1° gennaio 2021 (a seguito della proroga voluta dal "Decreto Rilancio") riguarda tutti i contribuenti con volume di affari inferiore alla sopra citata soglia.

    Questo tipo di attività è diventata nell’ultimo anno un’azione quotidiana a cui tutti sono più o meno abituati. Può capitare però, per svariati motivi, che la trasmissione non avvenga con successo. In questo caso non c’è nulla da preoccuparsi, esistono delle procedure grazie alle quali è possibile effettuare il corretto invio manuale dei dati corrispettivi e la marcatura di un corrispettivo anomalo.

    Quindi, le procedure riportate in questo articolo sono:

    • Procedura di caricamento manuale dei corrispettivi
    • Procedura di marcatura del corrispettivo anomalo

  • Procedura di caricamento manuale dei corrispettivi

    Da utilizzarsi nei casi di blocco dispositivo con impossibilità di emettere documenti commerciali (carico dei totalizzatori del registro corrispettivi di emergenza) o nei casi di file XML corrispettivi con anomalie nalla parte di firma elettronica.

     

    Gli step

     

    blog_step1

     

     

    • Ricercare la matricola del dispositivo RT ed entrare nella schermata di dettaglio premendo nel campo “id dispositivo” della tabella.

    blog_step2

     

     

    • Premere il pulsante “Cambia stato” visibile a fondo pagina.
    blog_step3

     

     

    • Selezionare l’Evento di tipo “FUORI SERVIZIO” con codice di dettaglio “Malfunzionamento” inserendo la data e l’ora immediatamente precedenti rispetto all’orario dell’anomalia riscontrata. È possibile anche inserire una descrizione dettagliata con le motivazioni o idettagli dell’anomalia che si sta riscontrando per la quale si sta operando manualmente nel portale.

    blog_step4

     

     

    • Verificare il messaggio di conferma inserimento stato “Fuori Servizio”

    blog_step5

     

     

    • Tramite menù laterale posizionarsi nell’area “Procedure di emergenza” > “Dispositivo fuori servizio”. Inserire i dati di dettaglio del corrispettivo da caricare/trasmettere (dati reperibili dalla copia cartacea della chiusura giornaliera).

    blog_step6

     

     

    • Se disponibili inserire i dati di dettaglio (indicati come facoltativi dal portale).

    blog_step7

     

     

    • Ad inserimento dati ultimato confermare con il tasto “Invia”.

    blog_step8

     

     

    • Verificare il messaggio di conferma avvenuta trasmissione annotando il codice “id” e relativo progressivo.

    blog_step9

     

    • Dopo qualche minuto (il tempo di elaborazione dipende dal carico del server)saranno visibili i dettagli del corrispettivo trasmesso manualmente.

    blog_step10

    blog_step11

     

    • Nel dettaglio del corrispettivo (richiamabile tramite funzione di ricerca “ID trasmissione”) disponibile nell’area “Ricevute file trasmessi”, solo per i corrispettivi trasmessi da portale sarà presente la dicitura "(TRASMESSA DA PORTALE: DISPOSITIVO FUORI SERVIZIO)".

    blog_step12

  • Procedura di marcatura del corrispettivo anomalo

    Da utilizzarsi nei casi di trasmissione avvenuta da dispositivo RT con anomalie nel contenuto (Errori di configurazionedispositivo, mancato azzeramento giornaliero, etc...).

     

    Gli step

     

    blog_step13

     

    • Selezionare l’area “Ricevute file corrispettivi telematici” > “File dati corrispettivi”.

    blog_step14

     

     

    • Effettuare la ricerca (o ricercare direttamente tramite “identificativo trasmissione”), e identificare dalla tabella il corrispettivo da segnalare premendo nel tasto con la lente corrispondente.

    blog_step15

     

     

    • Verificare che i dati corrispondano all’azzeramento da dichiarare anomalo. Il primo dato “Progressivo trasmissione” corrisponde al numero di chiusura fiscale/azzeramento del dispositivo.
    • blog_step16Spuntare la casella Trasmissione anomala e inserire nel box testuale la motivazione/dettaglio dell’anomalia.
  • Hai bisogno di aiuto? Desideri una nostra consulenza?

    Scrivici o chiamaci ai seguenti contatti, saremo felici di aiutarti.
    siatec.comunicazioni@imteam.it
    T. 035.636029
     
La nostra Filosofia
Il nostro gruppo
Cosa facciamo
Il metodo SIATEC